Culligan

Riduci la tua impronta!

Tutte le nostre scelte, anche le più piccole, incidono sulla qualità dell’ambiente in cui viviamo!

Il nostro stile di vita, le nostre abitudini alimentari, gli acquisti… hanno tutti un’impronta ecologica, ovvero l’indicatore che misura il consumo di risorse naturali come l’acqua, e il nostro impatto sulla Terra, inclusi i rifiuti che produciamo.

Rendersi conto della propria impronta, è un ottimo stimolo per iniziare a cambiare le abitudini che possono nuocere all’ambiente, ed è anche molto semplice grazie al tool online che permette di calcolare il tuo impatto!

A volte, bastano davvero pochi accorgimenti per vivere più eco!

Ecco l’ABC per ridurre la propria impronta:

Acquistare etico e locale

Comprare prodotti locali, come frutta e verdura di stagione, magari bio e direttamente dal produttore, è un’ottima abitudine, permette di mangiare sano e fresco (se non appena colto!) e ridurre le emissioni causate dal trasporto merci, che ogni anno raggiungono il 13% del totale delle emissioni di CO2 sul pianeta.

Per i generi che non si trovano a livello locale, basta dare un occhio all’etichetta per vedere il luogo di provenienza e scegliere quello più vicino, per ridurre i chilometri di viaggio e le emissioni!

Un’altra ottima abitudine, etica ed ecologica, è ridurre il consumo di carne o comunque privilegiare i prodotti da allevamenti non intensivi, per limitare il drenaggio di suolo e acqua e l’emissione di gas serra: il 18% delle emissioni globali.

Acqua dei paesi tuoi...

Oltre ad acquistare alimenti e prodotti a Km0, è importante anche scegliere l’acqua del proprio territorio, per evitare viaggi di chilometri percorsi su strada.

Può sembrare banale, ma non ci si pone mai abbastanza questa domanda: perché acquistare qualcosa che viene da lontano, quando è possibile avere acqua depurata in casa a un prezzo decisamente inferiore?

Per non considerare l’inquinamento causato dalle bottiglie di plastica che, per essere prodotte, richiedono un enorme spreco di acqua e di petrolio!

Pensate che per produrre un chilogrammo di PET occorrono 1,9 chilogrammi di petrolio grezzo e circa 18 litri d’acqua e, durante il processo di produzione delle bottiglie di plastica, vengono emesse in atmosfera svariate sostanze nocive come: idrocarburi, monossido di carbonio, ossido di azoto e di zolfo.

L‘inquinamento da bottiglie di plastica continua ovviamente anche dopo l’utilizzo, anche perché il PET non è mai completamente biodegradabile. Un fenomeno molto grave di cui tutti abbiamo acquistato consapevolezza e visto numerose immagini che documentano l’inquinamento della terra, dei mari e degli oceani.

L’impronta ecologica di 1 litro di acqua del rubinetto è 2/300 volte inferiore rispetto al litro d’acqua in bottiglia. Eppure in Italia si continua a comprarla mantenendo un triste primato in Europa: 192 litri a testa di acqua in bottiglia, pari a uno spreco di 350.000 tonnellate di plastica e 665.00 tonnellate di petrolio. Difficile capire le ragioni di questa cattiva abitudine, perché comporta più svantaggi e costi per tutti.

 

L’acqua del rubinetto infatti è sicura e controllata!

Nelle falde acquifere o nelle tubature, l’acqua può incontrare sostanze potenzialmente nocive e nell’ambiente sono presenti numerosi inquinanti a causa delle attività umane, ma grazie alla tecnologia possiamo godere di acqua depurata in casa, perfettamente depurata, ottima nel gusto e sicura per la salute!

Esistono diversi sistemi efficaci per avere un’acqua microbiologicamente perfetta dal proprio rubinetto, buona, leggera, priva di impurità, torbidità, virus e batteri, odori e sapori sgraditi come ad esempio:

Tante soluzioni diverse per godere di acqua purificata in casa in base alle proprie esigenze, riducendo il peso, il costo e l’impatto delle bottiglie di plastica!

Bicicletta e Mobilità slow

Per ridurre la propria impronta carbonica non c’è niente di meglio della bicicletta, per recarsi al lavoro o trascorrere il tempo libero.

Un’attività aerobica leggera che ha tanti effetti positivi sul tono muscolare, sulla circolazione linfatica e sanguigna e sulla salute in generale.
Chi vive in città può scegliere tra i mezzi pubblici e il car sharing.

Chi invece è costretto a usare l’auto può adottare alcuni accorgimenti che permettono di contenere le emissioni: guidare a una velocità costante, senza accelerare se non è necessario; spegnere il motore in caso di ingorghi o semaforo rosso; curare la manutenzione dell’auto e in particolare dei pneumatici, perché la pressione incide sul consumo di carburante.

Ricordatevi che per ogni litro di benzina consumato, vengono immessi in atmosfera 2,34 kg di CO2.

Consumi intelligenti e bollette leggere

Per ridurre il consumo di acqua, è sufficiente adottare buone abitudini quotidiane come: spegnere l’acqua corrente quando ci si insapona o si spazzolano i denti; utilizzare l’acqua con cui si puliscono le verdure per innaffiare le piante; al bagno in vasca prediligere la doccia e installare diffusori nel soffione e nei rubinetti di casa, per dimezzare il consumo di acqua!

Per risparmiare energia elettrica, è sufficiente spegnere gli elettrodomestici quando non sono in uso, perché nella modalità stand-by continuano a consumare energia fino a circa il 40%. 

Anche i caricabatterie e i trasformatori continuano a consumare energia, quindi basta staccarli dalle prese o spegnere le multiprese a cui sono attaccati per evitare inutili sprechi e spese più alte nella bolletta.

Last but not least!
Risparmiate al pianeta altra produzione di plastica!

Scegliete i prodotti con poco imballaggio, in pack riciclato o riciclabile, e soprattutto, portate sempre con voi la borraccia – al lavoro, in palestra… – per evitare altro inquinamento da bottiglie in PET da riempire con la vostra acqua purificata in casa!
Come?

Potete noleggiare un Depuratore d’acqua con un abbonamento mensile molto vantaggioso e servizio all inclusive, personalizzato in base ai consumi di casa vostra, chiedendo di essere contattati o comodamente online!

O provare gratis un depuratore a osmosi inversa per 15 giorni direttamente a casa vostra, richiedendo la prova gratuita!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Questo contenuto ti è stato utile?