Culligan

Over 60: dieta e idratazione

Superati i sessant’anni, molte persone iniziano a seguire regimi alimentari restrittivi per mantenere la forma fisica, sentirsi meglio e prevenire disturbi. In caso di dieta, è sempre consigliabile farsi seguire da uno specialista, che costruisca il nuovo regime alimentare intorno alle caratteristiche e alle esigenze specifiche della persona, individuando il giusto mix di nutrienti di cui ha bisogno.

Sicuramente è importante seguire una dieta equilibrata, varia, ricca di alimenti freschi di stagione, come frutta e verdura ricche di vitamine, minerali e acqua perché – con l’avanzare dell’età – si riduce l’efficienza dei meccanismi di controllo che ci preservano dalla disidratazione e, allo stesso tempo, si riduce la sensazione della sete. Proprio per questo è altrettanto importante bere acqua regolarmente, anche senza lo stimolo della sete.

Il bilancio idrico

La corretta idratazione è una buona regola valida per tutti, a prescindere dall’età, ma ancor di più per anziani e piccini, più soggetti a disidratazione e colpi di calore.

Tecnicamente si parla di bilancio idrico per definire l’insieme di processi che permettono di bilanciare assunzione e perdita di liquidi nelle 24 ore.

Per mantenere l’omeostasi dell’acqua nel corpo i liquidi assunti tramite l’acqua e l’alimentazione devono pareggiare la quantità eliminata tramite respirazione, sudorazione ecc.

Tra i metodi più immediati per calcolare quanti liquidi è necessario assumere per il bilancio idrico, si possono moltiplicare 30 ml di acqua per kg di peso corporeo, quindi a una persona di 70 kg è consigliato bere circa 2.1 litri al giorno. Si tratta di una valore comunque soggettivo che dipende da condizioni fisiche, ambientali e dallo stile di vita.

Come mantenere la corretta idratazione

L’acqua è fonte di vita, al pari del cibo nutre il nostro organismo e lo difende: regola la temperatura corporea, la digestione, trasporta i nutrienti e favorisce l’eliminazione di scorie e tossine.

Per mantenersi idratati:

  • Bere senza attendere lo stimolo della sete, indicativamente da 1,5 a 2 lt al giorno.
  • Preferire acqua buona e leggera con il giusto apporto di minerali.
  • Aromatizare l’acqua o prepare infusi per rendere l’idratazione più piacevole.
  • Evitare bevande troppo fredde che possono aumentare la sudorazione, quindi la perdita dell’omeostasi.
  • Aumentare l’assunzione di liquidi, se si fa sport o aumentano le temperature.

La quantità di acqua consigliata varia anche in base al tipo di alimentazione.
Ci sono infatti alimenti naturalmente ricchi di acqua, come frutta e verdura (+80%), carne, pesce e uova (60/80%), formaggi freschi (40/60%), e altri che richiedono una maggiore idratazione. Sempre meglio affidarsi al consulto di un professionista per definire il bilancio idrico in relazione alla dieta seguita, se ad esempio è troppo proteica o povera di frutta, se ci sono condizioni fisiche particolari o si assumono farmaci.

Qualità dell’acqua

Oltre alla quantità è importante anche la qualità dell’acqua.
Fra i sistemi più efficaci ed economici per avere acqua ottima, leggera e sicura, il depuratore d’acqua a osmosi inversa Aqua Cleer SLIM filtra perfettamente l’acqua del rubinetto eliminando sostanze indesiderate, odori e sapori cattivi, cloro e batteri, rendendola perfetta anche per cucinare.
Un sistema compatto, silenzioso che permette finalmente di liberarsi dalla plastica, da ingombri e pesi inutili, faticosi da trasportare.

Play Video
Questo contenuto ti è stato utile?